Varicella: Attenzione, contagio!

La varicella non è una cosa da ridere, anche se è considerata da molti una malattia benigna. Ma sapevi che può essere più pericoloso se contratto da adulto?

Varicella: è il “brufolo”?

Malattia molto contagiosa e comune, la varicella, conosciuta anche come “brufolo”, è causata dal virus varicella-zoster. Può essere trasmesso dal contatto diretto con le vesciche di una persona infetta, ma anche respirando le goccioline nell’aria. La varicella è spesso associata alla prima infanzia, e con buona ragione: il 90% delle persone che la contraggono hanno meno di 12 anni.

Avvero!
In Quebec, il vaiolo è stato a lungo chiamato il “grande brufolo”. Il vaiolo è una malattia infettiva e contagiosa molto grave. Fortunatamente, è stato completamente sradicato alla fine degli anni ’70 grazie, tra l’altro, a una massiccia campagna di vaccinazione. Oggi, solo campioni di questo virus sono conservati per scopi di ricerca dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Varicella e morbillo: malattie diverse

Mentre la varicella e il morbillo possono sembrare uguali, sono malattie molto diverse. Periodo d’incubazione e di contagio, segnali d’allarme, sintomi: sono tutti diversi. Ecco una tabella per aiutarvi a trovare la strada a colpo d’occhio.

Varicella

Parotite

Sintomi

– Affaticamento

– Lieve mal di testa

– Febbre

– Brividi

– Dolori muscolari o articolari dolore alle articolazioni

– prurito

– brufoli rossi che diventano vesciche

– tosse

– febbre

– Naso che cola

– Occhi gonfi

– Congiuntivite

– Macchie di Köplik (piccole macchie bianche su una mucosa rossa mucosa rossa all’interno della guancia)

– Macchie rosse o marroni che mostrano lacune di pelle sana

Incubazione

Circa 10-21 giorni dopo l’infezione

Circa 10 giorni dopo l’infezione

Periodo di infezione

Da 2 giorni prima dell’inizio a 7 giorni dopo l’inizio

Da 4 giorni prima dell’inizio a 5 giorni dopo l’inizio

Ricordo!
Ci sono altre malattie virali contagiose con sintomi simili. Per una diagnosi accurata, consultare sempre un operatore sanitario.

Varicella: possibili complicazioni?

Mentre la stragrande maggioranza delle persone con la malattia guarisce senza effetti negativi, i neonati, gli adulti e le persone con un sistema immunitario indebolito sono suscettibili di una varietà di complicazioni, tra cui:

  • cellulite (un’infezione della pelle causata da batteri);
  • fascite necrotizzante (più comunemente conosciuta come “infezione da batteri mangia-carne”);
  • polmonite;
  • encefalite.

Si consiglia quindi prudenza.

Varicella e donne incinte: precauzioni da prendere?

Se non sono immuni, le donne incinte devono evitare il contatto con persone infettate dalla varicella. Il rischio di malformazioni o di aborto è aumentato se la madre contrae il virus durante la gravidanza.

Da sapere!
L’immunità acquisita dopo la varicella è di solito permanente, ma non impedisce al virus di tornare come herpes zoster.

Varicella: ci sono trattamenti?

La maggior parte delle volte, la varicella è combattuta dal corpo senza l’uso di farmaci ad hoc (ad esempio un antivirale). Tuttavia, ci sono diversi modi per trattare la varicella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.