Up with This I will not Put!

Questo è il tipo di inglese con cui non mi ci metto.

– Winston Churchill (probabilmente) su un editore che maciullò una frase nelle sue memorie che era finita con una preposizione

Può finire una frase con una preposizione? Questo è stato a lungo oggetto di dibattito negli ambienti grammaticali, anche se attualmente la maggior parte delle persone suggerisce che va bene.

Prima di vedere se terminare una frase con una preposizione è accettabile o no, dovremmo prima chiederci: cos’è una preposizione? Sono piccole parole complicate come to, at, in, on, under, with, above ecc. Fondamentalmente sono come il tessuto connettivo, o la malta tra i mattoni. O piccoli rimorchiatori che trainano pesanti transatlantici. Non sembrano fare molto da soli, ma ne abbiamo bisogno per unire i concetti principali delle frasi insieme.

Pensate alla frase vado in spiaggia. Quali sono gli elementi più importanti di questa frase? La maggior parte delle persone direbbe io, andare e la spiaggia. Ci dicono chi, cosa sta succedendo e dove. Ma per unire going e the beach insieme, abbiamo bisogno di, per far scorrere la frase, e rendere chiaro che la spiaggia è la nostra destinazione.

Potrebbero sembrare semplici per un madrelingua, ma le preposizioni sono molto difficili da imparare perfettamente per i non madrelingua. Spesso non hanno significati propri, o sono generalmente associate a un concetto (ad esempio con e insieme), ma possono svolgere funzioni diverse a seconda del loro contesto. Inoltre non sempre hanno equivalenti diretti in altre lingue, ma anche quando sembrano averli, una frase in inglese simile a una in un’altra lingua potrebbe comunque usare una preposizione diversa.

Il motivo per cui penso che alcune persone non approvino la fine delle frasi con le preposizioni è questa idea di connettività. Poiché tendono a unire parole o frasi per rendere coerente una frase, di solito si trovano preposizioni tra le parole e/o frasi. Quindi trovarne una alla fine di una frase è qualcosa che alcune persone non riescono a gestire.

Ma per me ci sono due ragioni principali per cui va bene.

In primo luogo, è semplicemente più facile e più naturale mettere una preposizione alla fine di una frase, in molti casi, rispetto alle contorsioni che uno potrebbe dover fare per non farlo. Per esempio:

Who do you live with? / Con chi vivi?

Che cosa ascolti?

Which album shall I put on? / Su quale album devo mettere? Su quale album devo mettere? Su quale album devo mettere? Ci rinuncio.

Penso che quasi tutti sarebbero d’accordo che i primi esempi qui sopra suonano molto meglio dei secondi, che suonano come pessime imitazioni di Yoda.Qualcuno potrebbe obiettare che l’accuratezza grammaticale/sintattica è più importante del suono naturale, ma a) non finire una frase con una preposizione non è accettato come regola, e b) il suono naturale è molto importante perché rende il linguaggio più facile da usare e capire, e la maggior parte di ciò che consideriamo regole grammaticali dure e veloci si è sviluppata da ciò che la gente ha accettato come un buon suono.

In secondo luogo, non abbiamo bisogno di vedere una preposizione tra due cose per capire che le collega. Quando qualcuno chiede Con chi vivi? capiamo istintivamente che Who e you sono collegati da with, e che la risposta sarà sulla falsariga di I live with ___. Credo anche che una domanda che inizia con una preposizione (per esempio Con chi vivi?) non rende le cose più chiare di una con una preposizione alla fine. La preposizione non è ancora tra le cose che unisce sia che sia all’inizio o alla fine della frase.

Forse la cosa più fastidiosa dei pedanti che insistono a non terminare le frasi con le preposizioni è che ignorano altri modelli ben stabiliti in inglese per mettere le preposizioni prima nella frase. Forse non amano chiedere What are you listening to, ma what è una parola interrogativa che quasi sempre si trova all’inizio di una frase informativa. Quindi mettere to there non solo suona goffo o eccessivamente formale, ma ignora anche una convenzione di base molto comune, a favore di una che credono sia corretta.

In sostanza, tutto si riduce a questo: se suona bene e tutti ti capiscono, probabilmente va bene.

Questo è tutto per ora, posti dove andare, ho, hmm?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.