Un nuovo studio collega Uber alla diminuzione delle morti per guida in stato di ebbrezza

Ogni giorno, quasi 30 morti sono attribuite a incidenti automobilistici legati all’alcol negli Stati Uniti. La questione è un enorme problema di salute pubblica, che mette a rischio sia i conducenti che gli innocenti astanti. Tuttavia, mentre i regolamenti sulla guida in stato di ebbrezza in molti stati sono stati efficaci nel ridurre l’incidenza delle morti per guida in stato di ebbrezza, altri fattori nella prevenzione della guida in stato di ebbrezza, come l’economia emergente del ridesharing, sono degni di essere studiati.

I fattori che portano le persone a mettersi al volante in stato di ebbrezza sono stati un puzzle persistente per gli scienziati sociali, sia in termini di perché lo si fa che di come prevenirlo. Dopo aver preso un passaggio con Uber X”, un servizio di ride hailing, una sera dopo aver bevuto un paio di drink a un matrimonio, mi sono chiesto se la crescente popolarità di Uber e di altri servizi di ride sharing abbia causato un maggior numero di persone a stare lontano dalla strada.

In un recente studio, Sunil Wattal” un altro ricercatore della Temple University’s Fox School of Business” e io abbiamo costruito su un lavoro precedente che aveva ipotizzato l’esistenza di un legame tra Uber e la diminuzione del tasso di guida in stato di ebbrezza. Abbiamo poi utilizzato i dati del California Highway Patrol’s Statewide Integrated Reporting System non solo per confermare questo legame, ma anche per indagare su quale sia il meccanismo di maturazione dell’effetto. In California, c’è stato un calo significativo del tasso di decessi tra il 2009 e il 2014 dopo l’introduzione di Uber X in questi mercati, tuttavia c’era un collegamento limitato con Uber Black. Confrontando i dati con altre città della California con tendenze simili, abbiamo concluso che questo calo è probabilmente un risultato della presenza di Uber.

Sosteniamo che la piattaforma di app per smartphone di Uber crea un’alternativa accessibile e conveniente per coloro che scelgono di bere, e quando questa alternativa esiste, si verificano meno morti legate all’alcol. Inoltre, questo legame non era così chiaro nei periodi di alta domanda come le vacanze e i fine settimana, quando Uber e servizi simili spesso aumentano le tariffe, indicando che il costo può essere un importante fattore decisionale.

Come nuovi modelli di business come Uber, Lyft e altre piattaforme di ridesharing emergono e cambiano la nostra vita quotidiana, sono necessari dati concreti per plasmare politiche che scoprano benefici positivi, come prevenire e ridurre la guida in stato di ebbrezza, e incorporare queste aziende emergenti nell’ambiente stabilito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.