Massaggio e Sydney

Virtualmente a tutti i massaggiatori viene insegnato che massaggiare le vene varicose è controindicato. L’argomento che viene utilizzato è che aumentando la pressione posteriore nelle vene sia nel sito delle vene varicose o distale alla vena varicosa può aumentare la pressione vascolare, staccare i coaguli e il cliente corre il rischio di una trombosi venosa profonda. Massaggiare prossimalmente al sito della vena varicosa è generalmente considerato sicuro.

Per la maggior parte dei terapisti questo è probabilmente un consiglio ragionevole, anche se chiedersi se possiamo massaggiare in sicurezza i clienti che hanno vene varicose è una domanda giusta.

Vene varicose e controindicazioni al massaggio

Le vene varicose sono abbastanza diffuse tra la popolazione in generale, anche se ci sono fattori di rischio riconosciuti come il sesso (le femmine sono più soggette ad averle), se sei stato incinto e se devi stare molto in piedi al lavoro. La genetica può anche giocare un ruolo significativo nello sviluppo o meno di vene varicose nel corso della vita. Tuttavia, se si esercita regolarmente e hanno una dieta ricca di fibre, allora il rischio di ottenere le vene varicose è ridotto.

All’interno delle vene del corpo sono valvole che impediscono il flusso di sangue all’indietro attraverso di loro. Mentre il flusso di sangue nelle arterie è il risultato della pressione esercitata dal cuore, il flusso nelle vene è più il risultato di un’azione di pompaggio muscolare. Per esempio, nelle gambe, dove si verifica la maggior parte delle vene varicose, il flusso di sangue contro la gravità è ottenuto da quello che è noto come il meccanismo della pompa del polpaccio. Quando le valvole nelle vene non si chiudono correttamente quando le vene si dilatano, allora il sangue può fluire nelle vene superficiali che le fanno dilatare ulteriormente. Se c’è una continua costrizione del flusso di sangue nelle vene verso il cuore (ad esempio per la costante in piedi), allora il sangue può accumularsi nelle gambe e le vene possono perdere la loro elasticità. Il risultato è le vene spesse bulbose come mostrato nell’immagine sopra.

I coaguli di sangue sono suscettibili di sviluppare, in particolare nelle vene varicose più grandi e il rischio di dislocare questi coaguli sono il motivo per cui i terapisti sono insegnati mai a massaggiare le vene varicose (direttamente o distale alle vene).

Tuttavia, con formazione adeguata e l’approvazione dei medici del cliente, alcuni terapisti ritengono che il massaggio può fornire beneficio per coloro che sono affetti da questa condizione. I colpi di massaggio tendono ad essere brevi e di pressione leggera, più mirati a promuovere la circolazione locale e/o il drenaggio linfatico. Tratti come il petrissage, frizioni profonde dei tessuti, stripping e cross-fibre non sono mai raccomandati. Alcuni terapisti che hanno ricevuto la formazione in vene massaggio spesso prenderebbe in considerazione avere la gamba elevata per promuovere il ritorno venoso.

Se si soffre di vene varicose te stesso poi ci sono una serie di passi si può prendere da soli per ridurre qualsiasi dolore associato con loro. In primo luogo muoversi ed esercitare il più possibile. Come accennato in precedenza, il movimento assiste il meccanismo di pompa muscolare del polpaccio e anche muovendo le caviglie avanti e indietro può fornire qualche beneficio (soprattutto se siete sedentari e hanno una mobilità limitata). In secondo luogo, se possibile, smettete di stare in piedi per lunghi periodi di tempo. Se dovete stare in piedi, cercate di spostare il vostro peso di tanto in tanto. Per alcuni, gli indumenti di compressione possono aiutare, anche se probabilmente è una buona idea discuterne con il vostro medico per determinare se tali indumenti saranno appropriati per voi.

Di Richard Lane

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.